lunedì 21 novembre 2016

Borghi più belli d'Italia: l'Umbria ne ha 24. Per i turisti 5 nuovi itinerari - Corriere dell'Umbria

Borghi più belli d'Italia: l'Umbria ne ha 24. Per i turisti 5 nuovi itinerari



Perugia è stata scelta per presentare il primo pacchetto turistico “integrale e integrato” dell’Umbria ideato dai Borghi più Belli d’Italia e da Bitn, tour operator esclusivista del sistema Borghi. Perugia, infatti, come Capitale italiana della cultura 2015, è capofila del progetto grazie alla presenza nel sistema Borghi di Borgo Sant’Antonio, ospite dal 2014.
Il pacchetto turistico presentato, che si articola in cinque itinerari, è “integrale” perché “il complesso delle proposte abbraccia l’intera regione” e tutti i suoi punti di forza (dall’enogastronomia, all’arte, alla spiritualità, al paesaggio e alla cultura); ed è “integrato” perché “non promuove solo i Borghi più belli ma li mette in relazione con i centri più attrattivi dell’Umbria, da Perugia, a Gubbio a Narni, e con luoghi d’eccellenza, dalle zone archeologiche ai monasteri”.
I cinque itinerari. “Roma e l’Umbria mistica: da Papa Francesco a San Francesco. Le Valli degli antichi Umbri”, che si dipana tra la Valnerina, la Valle Umbra e il Monte Subasio; “Roma e Amor. Dalla città eterna all’eterna passione” sui luoghi di San Valentino, patrono degli innamorati, ma anche i siti storici e naturalistici del ternano. Terzo itinerario è “Roma e il Lago Trasimeno, ove si incontrano il re Tirreno e la ninfa Agilla. Le terre degli Etruschi”, nel quale rientra anche la visita a Perugia e a Borgo Sant’Antonio; quindi ”Roma e il suo fiume”, lungo la media Valle del Tevere e, infine, “Firenze e l’Umbria Nord. L’Alta Valle del Tevere”. Il catalogo nazionale dei prodotti turistici sarà commercializzato in collaborazione con Gartour e Smartbox Experience Ltd. Inoltre sarà ad Expo 2015, dove i Borghi più Belli d’Italia e Bitn hanno un desk di rappresentanza.
“L’Umbria - ha detto il presidente nazionale di Borghi più Belli d’Italia Fiorello Primi - non può che essere al centro delle nostre attività perché, malgrado sia tra le regioni più piccole, ha il il più alto numero di borghi inclusi nel sistema”.
Sono 24 i borghi coinvolti: Acquasparta, Arrone, Bevagna, Bettona, Castiglione del Lago, Citerna, Corciano, Deruta, Lugnano in Teverina, Giove, Massa Martana, Montecastello di Vibio, Montefalco, Montone, Norcia, Paciano, Panicale, San Gemini, Spello, Stroncone, Torgiano, Trevi, Vallo di Nera, Borgo Sant’Antonio di Perugia.